Hotel Supramonte

Stasera è stato lui ad accompagnare i miei pensieri… e la mia attesa… adesso posso dire di aver provato cosa vuol dire aspettare qualcuno e non vederlo arrivare… lo avevo già provato, anni fa…. sere e sere alla finestra a scrutare il parcheggio di fronte… non arrivò mai nessuno…almeno stavolta posso dire che, forse per uno scherzo del destino, sono stato io il primo a non andare… ma non si è infallibili…

De André scrisse questa poesia (chiamarla canzone le rende poca giustizia) dopo aver subito un sequestro, insieme alla sua compagna Dori Ghezzi, per mano dell’anonima sequestri sarda… durò parecchio, e loro ebbero dissidi durante la prigionia… così nacque Hotel Supramonte… riuscirono a superare la crisi… a dimostrazione del grandissimo amore che li legava… e di cui questa poesia era espressione totale…

 

Annunci

Ricordando Rino….

Per non dimenticare un grande della storia italiana (musicale e non)… l’ironia e la capacità di adoperare le parole come un giocoliere che le tiene sospese per aria, le rimescola e te le ripropone in maniera sempre sorprendente e poetica, sono forse il tratto distintivo di questo GENIO della musica d’autore italiana. Ma quello che personalmente apprezzo di più è il suo essere stato un pensatore veramente libero…

P.S.: Se volete approfondire vi consiglio di guardare la puntata di “La storia siamo noi” di Minoli:

Prima parte Seconda parte Terza Parte Quarta parte Quinta parte