Sicilia dei miracoli…

Per la serie ” ianu a facci comu u culu” (trad.: hanno la faccia come il culo), assistiamo all’ennesima moltiplicazione dei pani e dei pesci – o meglio, delle paghe e dei posti-  a Palazzo d’Orleans, sede del nostro benemerito parlamento siciliano, che tante bocche sfama… dovremmo proporre la nostra assemblea regionale intera per il nobel contro la fame nel mondo -e pazienza se per mondo loro intendono “il loro” di mondo-. Stavo amabilmente navigando su internet quando mi è saltata all’occhio, sul blog di Gian Antonio Stella, questo post intitolato “Ecco la Sicilia dei miracoli, dove si moltiplicano le paghe e i posti”, e ho avuto veramente un conato di vomito…. perdonatemi se sporco un po’ anche voi…

P.S.: le sottolineature sono mie.

02/07/2008

Ecco la Sicilia dei miracoli, dove si moltiplicano le paghe e i posti

Scritto da: Gian Antonio Stella alle 13:09

Non potevano scegliere un momento migliore, i deputati dell’Ars, per aumentarsi di straforo lo stipendio coi giochetti furbetti. Proprio ieri, infatti, la relazione del procuratore generale della Corte dei Conti isolana Giovanni Coppola ha letteralmente fatto a pezzi il bilancio consuntivo della Regione.
Bilancio che si può riassumere con un solo aggettivo: catastrofico. Pochi punti: la spesa pubblica regionale, alla faccia di tutti gli impegni presi dal centro-destra da anni al governo, è salita a 15 miliardi di euro, con un’impennata dell’8% sul 2006. I vari assessorati hanno distribuito una enormità di consulenze fornendo per di più dati “incompleti e parziali, mancando un meccanismo centralizzato di controllo”. I dipendenti sono cresciuti fino al numero abnorme di 21.104 (di cui 2.245 dirigenti: uno ogni nove addetti) con un aumento di 6.859 assunti, col risultato che “in Sicilia c’è un dipendente  regionale ogni 239 abitanti, mentre in Lombardia il rapporto è di uno ogni 2.500″ (dieci volte più basso) e una spesa per le buste paga di quasi un miliardo di euro. I corsi di formazione professionale (302 milioni di euro) sono stati 3.069 con gli obiettivi “più disparati”, sono costati “circa 100mila euro” l’uno e hanno avuto in media “appena 15 iscritti” dimostrandosi più utili “agli enti che li organizzano piuttosto che ai  giovani che li frequentano”.
Non bastasse, ecco la ciliegina sulla torta: nel 2007 la sgarruppata sanità siciliana è costata 8 miliardi e 500 milioni di euro: 1.711 pro capite. In pratica, accusa la magistratura contabile, “nell’isola si è speso il 30% in più di quanto si spende per la sanità in Finlandia”, un Paese con un territorio più grande dell’Italia, trecentomila abitanti più della Sicilia “e un servizio sanitario pubblico tra i più  efficenti del mondo”. Bene: in questo contesto disastroso che toglierebbe il sonno a ogni amministratore con la testa sul collo, cosa ha deciso l’ineffabile maggioranza che governa l’isola? Ha deciso che le prebende che mensilmente ricompensano il lavoro (si fa per dire…) dei deputati regionali, che già sono in varie voci parificate a quelle del Senato e possono arrivare con diarie e rimborsi e indennità varie per viaggi e spese telefoniche a oltre 19mila euro (tra i 10 e gli 11mila netti) sono insufficienti. “Siamo o non siamo uno dei più antichi parlamenti del mondo?” Così, visto che le buste paga sono ancora più gratificanti nel caso il deputato faccia parte del Consiglio di Presidenza (7.700 euro lorde in più al presidente, circa 5mila ai due vice) oppure abbia qualche delega da assessore (otto, con una integrazione di 2.600 euro) o ancora sia ai vertici di qualche commissione, hanno stabilito di moltiplicare queste commissioni facendole diventare dieci.
Risultato finale? Antonella Romano, sulla “Repubblica di Palermo”, ha fatto i conti: calcolando che godono di ulteriori supplementi anche i capigruppo e i loro vice, su 90 consiglieri i “graduati” salgono dai 53 della scorsa legislatura a 72. Con un aumento secco di un terzo. E le polemiche sulla Casta, i costi della politica, la necessità di tagliare? Ciao. E le promesse elettorali di imprimere una svolta a certi indecenti privilegi di quelli che Luigi Einaudi chiamava “i padreterni”?
E chissenefrega, ormai le elezioni ci sono state…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: