Suicide persian cat

Uno scoop… abbiamo notizia dell’argomento dei colloqui fra Bush e Berlusconi (orfani del povero Blair). Bush ha mostrato a Berlusconi una foto dell’ultimo micidiale ritrovato dell’odiato governo Iraniano. Il Suicide Persian Cat (gliel’ha detto in inglese), ovvero il Gatto Persiano Suicida. State molto attenti… sembra un innocuo piccolo animale da compagnia, ma le sue caratteristiche lo rendono un’arma di distruzione incredibile, specialmente se equipaggiato nella pericolosissima versione Nuclear. Il gatto impaurito è un animale praticamente imprendibile, che riesce a compiere cambi di direzione repentini e imprevedibili… Il presidente Bush ha spiegato che la sua apparenza mite serve per ingannare gli ignari proprietari, ma che il gatto ha un microchip impiantato nel cervello che serve a comandarlo a distanza. Quando meno te lo aspetti va sotto il suo letto preferito, indossa la cintura esplosiva ed è pronto per le settandadue micie vergini che lo aspettano in paradiso…

non ci credete?!? perché?!? e quando Colin Powell vi ha fatto vedere quel magnifico modellino di camion-laboratorio per la produzione di armi chimiche on-the-road?!? ci avete creduto?!? e quando Blair ha detto che Saddam poteva lanciare un attacco chimico al mondo in 45 minuti dal suo ordine?!?

ci avete creduto?!? purtroppo, per molte persone la risposta è si…

Ma voglio comunque ringraziare Bush. Sento di doverlo fare, perché ha detto a Berlusconi che può scordarsi di fare parte dei cosiddetti 5+1 che guideranno l’iniziativa contro il riottoso Iran. Io però continuo a non capire se Berlusconi ci è o ci fà… forse è convinto che sarà qualcosa di simile all’Iraq (che pur ha avuto un numero di morti italiani non indifferente). Forse nessuno l’ha informato di cosa è l’Iran… Letta, per favore, gli faccia un ripassino veloce prima di farlo incontrare con Bush…

L’Iran non è l’Iraq. Dispongono di un esercito efficiente, di caccia, di aerei moderni e missili a medio e lungo raggio e soprattutto di denaro, tanto denaro. E sanno di essere le prossime probabili prede di una America che vuole mettere le mani su quanto più petrolio possibile.

È una manna dal cielo il fatto che siano coinvolti i tedeschi al posto nostro. Quando gli argomenti sono seri non mi piace avere più di due buffoni a tavola.

P.S.: Vorrei far notare (a quelli che non capiscono il nesso di questo post con Augusta) che noi siamo uno degli obbiettivi più sensibili e più facili da colpire se dovessimo entrare in guerra con l’Iran… vorrei farvi notare che noi abbiamo un pontile NATO dove gli americani stazionano assiduamente per caricare viveri e munizioni… e che in linea d’aria fra l’Iran e Sigonella ci siamo proprio noi… con in mezzo solo il mare…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: