Risultati ballottaggio Sindaco Augusta

ore 17:00

Quando mancano 5 sezioni pert mettere la parola fine a queste elezioni amministrative, il Sindaco uscente Carrubba è in vantaggio sullo sfidante Marco Stella di 275 voti (7478 contro 7203). Chiunque vinca, vincerà veramente per una manciata di voti…

Stay tuned…

ore 17:37

È finita… Massimo Carrubba vince con 8.628 voti (50,88%) mentre Stella si ferma a quota 8.331 (49,12%).

Ovviamente adesso si apre una nuova fase, perché i numeri in consiglio comunale non sono molto favorevoli a Carrubba. A breve una analisi personale dei numeri e della ipotesi….. È comunque impressionante la poca differenza di voti che ha determinato la vittoria… potremmo dire (citando Luttazzi) che il sindaco è stato deciso da un condominio (grande, per carità, ma pur sempre un condominio).

Annunci

Ooops… a proposito di emergenza, che emergenza non è…

Ne stavamo giusto parlando qualche giorno fa… riportiamo l’inchiesta di Rainews24 che ci spiega che l’emergenza rifiuti non è una emergenza (sic) ma un problema pilotato e conveniente per tanti…

L’emergenza che non c’era (prima parte)

L’emergenza che non c’era (seconda parte)

Assolta Clementina Forleo

Da Rainews24 apprendiamo che la giudice Clementina Forleo è stata assolta dal procedimento disciplinare. Ne sono personalmente felice e credo sia stato incredibile quello che le è stato inferto per essersi occupata delle vicende dei soliti noti (con baffi e senza)…

Piccolo aggiornamento… vi giuro che ci avrei scommesso… la notizia è stata subito messa in basso sia sul sito del Corriere (al 4° posto) che su quello di Repubblica (8°posto), il che è abbastanza scandaloso visto che in tante occasioni (quando ancora doveva essere assolta) era stata in cima ai rispettivi siti web…

13 variazioni su un tema barocco…

… ballata ai petrolieri in Val di Noto.

Vi piace Vendicari vero? È veramente un posto meraviglioso, come tutta la Val di Noto. Se ancora oggi questi posti sono intatti lo dobbiamo a tanti nostri conterronei che si sono battuti -e ancora si battono- contro gli interessi di pochi (petrolieri e politici, quelli che adesso sembrano litigare:-)) per salvare questo angolo di paradiso, sviluppando il territorio in maniera diversa, puntando veramente sul turismo. Non come fanno certi politici nostrani, che prima finanziano la ristrutturazione delle masserie col 75% a fondo perduto (scelta giusta se si vuole sviluppare il turismo), e poi danno l’autorizzazione a quattro petrolieri texani di sforacchiare un po’ dove gli pare, col rischio che se disgraziatamente si trovasse il petrolio, tutto il territorio verrebbe industrializzato, buttando nel cesso tutti i soldi già spesi per incrementare il turismo. Schizofrenia? No, è il solito pippo (leggi conflitto di interessi) che entra in gioco non appena i politici fiutano i piccioli… è sempre la solita vecchia storia…

Vi invito comunque a guardare l’intero documentario. È veramente una piccola perla che contiene spaccati di vita quotidiana, bellezze naturali, l’intelligenza e la passione dei tanti che con semplicità si battono per salvare questo patrimonio mondiale. Clicca qui per vederlo con Windows Media Player.

Oppure clicca qui per vederlo con Real Player.

E la prossima volta che andate da quelle parti, cercate di dimostrare un po’ di solidarietà a questa gente. Anche un semplice complimento alla bellezza dei luoghi, può essere una spinta poderosa, un incoraggiamento a difendere quel territorio dalla vecchia logica del petrolio con le armi della logica del turismo, l’unica logica possibile per dare un futuro alla Sicilia.

Ringraziamenti e link:

www.malastradafilm.com

www.arcoiristv.it

www.notriv.it

Allarme emergenza….

Voglio continuare la serie di post dedicati al significato delle parole, con due parole assolutamente fra le più utilizzate -a sproposito – in Italia. Allarme ed emergenza.

Vediamo cosa ci dice il dizionario DeMauro Paravia a riguardo:

Allarme

1 ordine o segnale che avverte le truppe di impugnare le armi nell’imminenza di un pericolo.
2a dispositivo elettronico e acustico per segnalare i tentativi di furto.
2b TS tecn., dispositivo elettronico che segnala le disfunzioni di un macchinario o di un impianto.
3a AU fig., apprensione, preoccupazione: notizie che suscitano allarme presso la popolazione.
3b TS psic., segnalazione di pericolo imminente proveniente dall’esterno o dall’interno. dell’organismo / nevrosi caratterizzata da sfiducia nelle proprie capacità o timore per le proprie condizioni di salute.

Emergenza

1 BU l’emergere e il suo risultato; sporgenza
2 AU improvvisa difficoltà, situazione che impone di intervenire rapidamente: il medico è stato richiamato in ospedale per un’e.; funziona come aggettivogeno: e. neve, e. smog | OB circostanza imprevista
3 TS bot., protuberanza, costituita da tessuti differenti, sulla superficie di organi vegetali

In questo caso non si è cambiato completamente il significato, ma le due parole sono state usate in maniera martellante, insistente, per qualsiasi problema la nostra società si trova ad affrontare. Prendiamo un paio di esempi odierni -ma vi assicuro che vi sono esempi molto più vecchi- per cercare di capire un po’ di più.

Emergenza rifiuti a Napoli

Se di emergenza trattasi, il nostro dizionario dice che deve essere improvvisa, imprevista e che abbisogna di intervento rapido per la risoluzione. A Napoli l’ emergenza rifiuti c’è da quindici anni, si sapeva esattamente quando sarebbe scoppiata l’ultima ondata -in coincidenza con la chiusura delle ultime discariche disponibili- e non è mai stata affrontata con rapidità (15 anni e ancora non si vede molto all’orizzonte)· Possiamo chiamarla EMERGENZA??? E ancora una volta, possiamo credere che chi ha creato il problema (l’intera classe politica, campana e non) adesso sia in grado di risolverlo??? Se sapevano come risolverlo, perché non lo hanno già fatto???

Allarme caldo

Ma vi pare possibile che, puntualmente, ogni anno, si verifichi l’allarme caldo in estate? Ma ci prendono per il culo? Lo sappiamo tutti che in estate fa caldo, che gli anziani ed i bambini devono stare attenti, che il miglior modo per difendersi è bere acqua… ma c’è bisogno di fare i titoloni e dedicare servizi di 5 minuti (un quinto del tg) alla solita storia? Possiamo chiamarlo allarme?

Emergenza sicurezza

Ne abbiamo già parlato… in Italia i reati sono in calo costante dal 91, abbiamo lo stesso numero di omicidi -in tutta Italia- di Los Angeles (circa 600) con la piccola differenza che noi siamo una nazione, loro una città… eppure… Eppure c’è l’emergenza sicurezza.

I Tg continuano a mostrarvi stupratori, rapinatori di villette (con o senza omicidio), ladri, delinquenti ovunque… Se poi andate a spulciare il Rapporto della Polizia di Stato vi accorgete che non c’è nulla. L’emergenza è solo nelle nostre teste, creata ad arte per mettere paura alla gente, alimentata da giornali spregiudicati che si accodano senza fare vero giornalismo. Ed è con questa paura che la gente va a votare, scegliendo chi promette la mano dura e la tolleranza zero. Ma contro chi? Qual’è l’origine del nostro malessere? Il rumeno? Lo zingaro? Il marocchino?

Io ho un’idea diversa… credo che il nostro malessere venga dalla situazione economica italiana, dalla svalutazione tremenda degli stipendi, dalla precarizzazione del lavoro, dalla gestione inetta e da incapaci della cosa pubblica da parte della nostra classe politica. Il malessere viene dai tanti crimini commessi da colletti bianchi a danno della collettività (e qui gli esempi sarebbero troppi per elencarli tutti). Il nostro malessere viene dal nostro portafogli (ahimé unico punto debole degli italiani), che non regge più il costo della vita.

Ma ovviamente affrontare questi problemi è molto difficile, e richiede scelte di un certo tipo. Mentre è molto più semplice, potendo influenzare i media, creare un finto problema e far si che l’attenzione delle persone si rivolga a qualcosa di diverso dai problemi reali.

L’extracomunitario è solo uno spauracchio per attirare la nostra attenzione…

Ancora una volta se restituite il giusto significato alle parole, potrete capire meglio cosa vi succede intorno…

Carbonara e crisi sub-prime: cosa succede ad intercettare

Come a scuotere la nostra coscienza di cittadini “nolentemente volenti” del terzo premierato di Berlusconi, arriva la notizia di un ritocco alla regolamentazione svedese in ambito di intercettazioni, che fa parlare di legge “Grande Fratello”.

È proprio così, prima ancora che ci lasciassimo cadere nella tentazione del “quasi quasi ci credo”, convincendoci che tutto sommato volemmo fortissimamente volemmo questa legge salva-privacy, siamo turbati da una voce contraria al “cosi’ fan tutti” generico e generalista che potrebbe metterci in pace con la coscienza una volta di piu’.

In Svezia, sì, proprio uno di quei paesi che a noi Italiani piace tanto etichettare con “loro si che sanno cos’è la democrazia”..dunque, proprio in quella Svezia lì da Gennaio 2009 potranno essere sottoposte a controllo e presentate ai giudici anche email, conversazioni e messaggi su telefoni privati e comunicazioni via fax.

Lo scorso 19 Giugno è infatti diventato legge il decreto che permette alla FRA, agenzia che sino ad oggi controllava solo le conversazioni militari, di sorvegliare senza limiti di frontiere il traffico internet privato nonche’ le conversazioni telefoniche allorche’ si ravveda una generica “minaccia esterna”.

Una buona parte del paese urla all’ORRORE, forse timorosa di essere colta in flagrante da qualche intercettatore perditempo mentre svela la ricetta segreta dello spaghetto alla carbonara – con o senza latte -alla nuora ( finalita’ che onestamente trovo abbastanza remota visto che il costo del solo adeguamento della strumentazione ai nuovi target sara’ di circa 100 milioni di euro).

Io cerco di documentarmi per vedere se è solo un caso e che noi non siamo, come direbbe qualcuno, ancora una volta in “leggera controtendenza”.

Scopro che in Gran Bretagna il ministero degli Interni sta considerando di sviluppare un sistema di sorveglianza specializzato per registrare in real-time ogni tipo di attività elettronica intrapresa dai cittadini.

Il piano, che quasi sicuramente passerà in Parlamento – sì, anche questo uno di quei paesi che “certo, li è la patria del liberalismo…” – prevede un esborso economico altissimo per permettere la creazione di un cervellone centrale che possa salvare e rendere utilizzabili dati provenienti da intercettazioni telefoniche e internet, nonché dal browsing e dal traffico di comunicazione di ogni singolo individuo.

Mi guardo ancora in giro e mi dico che la fuga del supposto messaggio inviato a Cecilià la notte prima delle nozze dovrà pur aver indispettito Sarkozy contro le procedure ficcanaso, e invece anche lì scopro che dal Maggio 2007 è stata lanciata in Francia una nuova piattaforma per l’intercettazione di tutti i dati contenuti in messaggi testuali, conversazioni al telefonino e via email e i movimenti via internet. I servizi di sicurezza sono da circa un anno in grado di sapere chi ha contattato chi, quando, dove e, con un semplice click, possono ottenere dagli operatori telefonici la lista di chiamate di qualsiasi utente insieme ai suoi dati personali ed altre informazioni su dettagli bancari.

Ebbene, vogliatemi riconoscere che un leggero “anticonformismo” il nostro disinteressato governo lo denota…

Penso a quello che succederebbe non solo nel nostro paese, ma in tutto il mondo se tutti seguissero la nostra controtendenza. Lo sapete vero che due signori di Bear Stearns – banca d’investimento statunitense, vittima illustre del credit crunch poi rilevata da JP Morgan con il sostegno della US Federal Reserve – sono stati accusati di frode a danno di clienti ai quali hanno venduto deals del tutto “bacati”?

La frode sta nel fatto che Tannin e Cioffi erano da mesi consapevoli del cattivo investimento che andavano a proporre, e si divertivano a commentarlo allegramente nelle telefonate ai colleghi. La US Federal Reserve li ha beccati proprio grazie alle intercettazioni.

Questo a dimostrazione che certi controlli potrebbero salvarci in futuro da fregature mondiali come quella dei mutui sub-prime…

E sinceramente chi se ne importa se tutto il mondo cucinerà la carbonara allo stesso modo, un prezzo si dovrà pur pagare.

Dasvidania tovarish Augusta!!!

Diamo un caloroso benvenuto ai nostri grandi fratelli russi !!! Sta per essere annunciato al mondo economico -in maniera ufficiale- la nuova partnership della ERG con quei comunisti della Lukoil, che conferma definitivamente i si dice che serpeggiavano tra i dipendenti della benemerita raffineria.

Cosa prevede questo accordo?

In parole povere si creerà una newco (che vuol dire una nuova società) alla quale verrà conferita la proprietà della raffineria di Priolo. In questa nuova società i russi avranno il 49%, in cambio di un miliardo e trecentocinquanta milioni di euro (un affare niente male per i Garrone). Inoltre l’ accordo prevede anche la possibilità per i russi di salire al 100% della nuova società. E quindi di diventare i nuovi padroni. E di ottenere finalmente l’ agognato sbocco nel mediterraneo. Fianco a fianco dei fratelli americani, che tra pontile NATO e rigassificatore ERG/SHELL, sono i vicini più prossimi della nuova raffineria sovietica. Chissà se l’amico Putin gradisce…

State sintonizzati, vi terremo aggiornati….